martedì 10 luglio 2018

RIMEDI contro la CEFALEA (Remedies against Headache)


Si possono distinguere fino a 165 tipi di cefalea

CEFALEA 

La cefalea è un segnale d'allarme del corpo che spesso indica un sovraccarico fisico o psichico. A seconda della posizione e della modalità con cui si presenta il dolore la cefalea si cataloga in: semplice, da ipertensione, combinata o emicrania.
Le cause possono essere molteplici: infiammazione dei seni nasali o sinusite mascellare, tensioni muscolari localizzate nelle zone della testa e della nuca oppure abuso di alcol o nicotina. Il disturbo può essere inoltre causato da dilatazione o costrizione dei vasi sanguigni del cervello oltre che da variazioni della pressione arteriosa cerebrale.
Una forma particolarmente intensa di cefalea è l'emicrania, che in genere si presenta accompagnata da nausea e disturbi visivi.
Ove possibile, è consigliabile non ricorrere a farmaci: numerosi rimedi naturali sono molto efficaci per attenuare o eliminare del tutto il dolore. Inoltre, sono molto utili esercizi di rilassamento, massaggi, impacchi d'erbe e rimedi omeopatici.

CHE FARE? - Applicazioni con I'acqua, impacchi, bagni digitopressione, esercizi di rilassamento, movimento all'aria aperta, applicazioni con il freddo e con il caldo sono d'aiuto per lenire il mal di testa.

RILASSARSI COMBATTE IL DOLORE - Cercate di creare un ambiente tranquillo e privo di fattori che possano causare cefalea. Aerate La stanza, poi chiudete la finestra e oscurate la camera. Se possibile eliminate ogni fonte di rumore, oppure mettetevi dell'ovatta nelle orecchie. Cercate di rilassarvi, aiutandovi con lo Yoga o il training autogeno.

DIGITOPRESSIONE - La digitopressione è un ottimo rimedio per lenire la cefalea. Massaggiate i lobi dell'orecchio, poi premete con il pollice e l'indice il setto nasale e, infine, le tempie eseguendo movimenti rotatori.

PEDILUVIO A TEMPERATURA CRESCENTE - Immergete i piedi in un catino con acqua a 35 °C. Dopo 5 minuti aggiungete dell'acqua calda fino a raggiungere la temperatura di 45 °C. Lasciate i piedi immersi per 5 minuti, poi aggiungete acqua fredda finché l'acqua sarà diventata tiepida. Poi indossate delle calze di lana e riposatevi, coricati, per mezz'ora Questo tipo di pediluvio favorisce una diminuzione dell'afflusso di sangue al cervello, possibile causa del mal di testa.

RIMEDI OMEOPATICI CONTRO IL DOLORE - In commercio potete trovare rimedi omeopatici specifici a seconda della localizzazione e della modalità in cui si presenta il dolore:
* Apis D6 in caso di dolori lancinanti
* Belladonna D6 se il mal di testa è pulsante
Ruta  D6 se il mal di testa è pressante.
Il Chamomilla D6 è rilassante.





TIPI DI CEFALEA

CEFALEA SEMPLICE -  Martellante, pulsante, trapanante. Può essere causata da stress, meteoropatia, pressione alta, febbre e mancanza d'ossigeno.

CEFALEA TENSIVA - Dolore pulsante e particolarmente intenso sulle tempie. Ha origine dalla fronte o dall'occipite e si espande in tutta la testa. Può essere causata da postura scorretta e tensioni muscolari.

CEFALEA COMBINATA - Dolore che intorpidisce e pulsante. Esso inizia il mattino e, a volte, accompagna attacchi di emicrania.

CEFALEA LOCALIZZATA -  Dolore trapanante accompagnato da sensazione di bruciore, localizzato su un lato del viso, quasi sempre nella zona oculare. Le cause sono sconosciute.

EMICRANIA -  Spesso localizzata in un lato del viso e accompagnata da nausea, vomito e disturbi visivi. È causata principalmente da disturbi della circolazione sanguigna cerebrale.
Può essere di carattere ereditario.


Rafano

RIMEDI CASALINGHI

COMPRESSE FRESCHE - Imbevete un panno di acqua fredda e versatevi sopra 2 gocce di essenza di menta. Ponete il panno sullo parte dolente per 15 minuti.

IMPACCO CON IL PURÈ DI PATATE - Un impacco con il purè di patate attenua le tensioni nello zona della nuca. Preparate il purè con 1/2 kg di patate cotte con la buccia. Mettetelo in un panno che porrete ancora caldo sulla nuca; mantenete l'impacco fino a quando si sarà raffreddato.

IMPACCO DI RAFANO - Grattugiate la radice di rafano e aggiungetevi 2 cucchiaini d'acqua.  Mettete il tutto in un panno che porrete sulla nuca per 5 minuti. Se avete la pelle sensibile spalmate prima una crema grassa.




BAGNO AROMATICO PER LENIRE IL DOLORE

Versate nell'acqua per il bagno un emulsionante (panna o miele) e 3 gocce per ciascuno delle essenze di lavanda, rosmarinocamomilla. Il bagno è aromatico, svolge un'azione rilassante ed è in grado di regolare la tensione dei vasi sanguigni.


CONSIGLIO UTILE

Ecco un antico rimedio per un sollievo immediato: versate alcune gocce di limone in 1 tazzina di caffè e bevete a piccoli sorsi. 
Attenzione: non assumetelo se avete problemi di stomaco.


VEDI ANCHE . . .

ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V


IPERICO (Hypericum perforatum)



IPERICO 
Hypericum perforatum

L'iperico è una pianta officinale dalle molteplici proprietà curative. Recentemente le sue importanti proprietà euforizzanti si sono rivelate efficaci nella cura della depressione. Inoltre la pianta viene utilizzata nel trattamento di ferite, piaghe e ustioni.


BOTANICA - L'iperico è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Guttifere che raggiunge un'altezza di 60-100 cm. Ha un corto rizoma sotterraneo che produce numerosi fusti. Le foglie opposte sono sessili e, se osservate in trasparenza, sono composte da ghiandole traslucide. I fiori sono di colore giallo-dorato.
La pianta ha un profumo aromatico e un sapore aspro-amaro.

HABITAT -  L'iperico cresce in tutta Europa, in Asia orientale e in Nordafrica. Si trova in luoghi caldi e secchi, al limitare delle strade, dei campi e nelle radure dei boschi.

PARTI UTILI - Per scopo terapeutico si utilizzano soprattutto i fiori, ma spesso anche la sommità degli steli non ancora legnosi, raccolti nel periodo della fioritura

COMPOSIZIONE - L'iperico contiene oli eterici, tannini, saponine e flavonoidi. Responsabile dell'azione euforizzante è l'ipericina, il colorante rosso contenuto nei fiori. Dalle foglie fresche della pianta viene estratta una sostanza amara, l'iperforina, dalle proprietà antibiotiche.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE - L'iperico si è rivelato molto efficace nei trattamento degli stati depressivi, in particolare durante la menopausa. I benefici sono evidenti già dopo 2-3 settimane. In caso di depressioni più gravi è consigliabile consultare un medico.
Inoltre è utile in caso di agitazione nervosa, stati d'ansia e disturbi del sonno. La medicina popolare ne utilizza l'olio contro disturbi gastrici di origine nervosa, problemi digestivi e catarro gastrointestinale. Impiegata per uso esterno la pianta svolge un'azione antinfiammatoria nella cura di ferite e dolori muscolari. Inoltre lenisce le emicranie, i disturbi meteoropatici, i reumatismi e la gotta.


APPLICAZIONI

INFUSO - Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 1-2 cucchiaini di iperico sminuzzato, lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate, Bevetene 1 tazza 2-3 volte al giorno.

TINTURA - Mettete 20 grammi di iperico in 100 grammi di grappa (70 % vol.), lasciate riposare per 10 giorni, poi filtrate. Assumetene 5-10 gocce 2-3 volte al giorno.

OLIO - Contro i disturbi gastrici di origine nervosa assumete 1 cucchiaino di olio 2-3 volte al giorno. In caso di infiammazioni utilizzatelo
per frizioni o impacchi più volte al giorno.
Potete acquistare l'olio in erboristeria o in farmacia.

PREPARATI IN COMMERCIO -  In commercio potete trovare l'iperico sotto forma di gocce, pastiglie o tintura, con differenti indicazioni terapeutiche.

ESTRATTO FLUIDO - Assumete 5-10 gocce di estratto 3 volte al giorno, se necessario per più settimane.


 CONSIGLIO UTILE

In rari casi l'ipericina può provocare fenomeni di fotosensibilità. Non assumete iperico né utilizzate prodotti che lo contengono prima di esporvi al sole.



ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V