mercoledì 1 agosto 2018

LIQUIRIZIA - Glycyrrhiza glabra - LIQUORICE




LIQUIRIZIA
Glycyrrhiza glabra

Un tempo un consiglio medico prevedeva la suzione di radici di liquirizia per riconquistare la voce in caso di tosse. Dal succo concentrato di radice di liquirizia si producono i bastoncini neri noti ancora oggi, non solo come golosità, ma anche come efficace rimedio

BOTANICA - La liquirizia è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Leguminose, che può raggiungere un'altezza massima di 2 metri. Le sue radici sono lunghissime; i fiori, dal color crema al lilla, sono raccolti a grappolo. La radice ha un sapore dolce con retrogusto amaro.

HABITAT - La patria della liquirizia sono le regioni aride dell'Europa meridionale e sudorientale, del Caucaso e dell'Asia sudoccidentale. Le radici raccolte provengono da piante sia selvatiche sia coltivate.

PARTI UTILI - Per scopo terapeutico si usano le radici sbucciate o intere, così come il loro estratto, fluido o a scaglie secche.

COMPOSIZIONE - Tutta la pianta, e in particolare le radici, contengono acido glicirrizico, dalle proprietà disinfiammanti, espettoranti e antispastiche.
Sono responsabili dell'azione anche flavonoidi, fitosteroli, cumarine e aromatici volatili. Il potere dolcificante è 50 volte superiore rispetto allo zucchero.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE - La liquirizia viene usata come espettorante in caso di catarro bronchiale, tosse o infiammazioni delle alte vie respiratorie. Grazie alle caratteristiche disinfiammanti è un rimedio efficace nel trattamento delle infiammazioni croniche delle mucose gastriche, così come delle ulcere gastriche e duodenali. Sulla cute la liquirizia esercita un effetto lenitivo e normalizzante. 
Attenzione: la liquirizia è controindicata in soggetti ipertesi.




APPLICAZIONI

DECOTTO - Versate 2-4 grammi di radici sminuzzate in 150 ml d'acqua e lasciate sobbollire per 5 minuti. Una volta tiepido, filtrate. In caso di catarro delle alte vie respiratorie, infiammazioni delle mucose della bocca e disturbi gastrici, bevetene 1 tazza dopo ogni pasto.
Attenzione: non assumete in caso di malattie epatiche conseguenti a un blocco biliare, a una cirrosi epatica e disturbi della funzionalità renale, né durante la gravidanza.

COLLUTTORIO - Contro le infiammazioni delle mucose della bocca preparate un decotto di 6 grammi di radice in 100 ml d'acqua e utilizzate per sciacqui.

ESTRATTO - Come coadiuvanti in caso di catarro bronchiale, infiammazione cronica delle mucose gastriche, ulcere gastriche o duodenali, vengono usati gli estratti.

SUCCO - Contro i disturbi di stomaco assumete 1 grammo di succo in 100 ml d'acqua calda 2-3 volte al giorno.

BASTONCINI NERI DI LIQUIRIZIA - I bastoncini non contengono più di 200 mg di acido glicirrizico ogni 100 grammi. Solo la liquirizia concentrata ne contiene di più e deve essere accompagnata da precise indicazioni di dosaggio.


CONSIGLIO UTILE

La liquirizia può portare a un aumento dell'eliminazione di potassio, con conseguenti gonfiori al viso e alle articolazioni. Pertanto non assumete più di 15 grammi di liquirizia al giorno, per non più di 4-6 settimane.




VEDI ANCHE . . .
ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 




Nessun commento: