lunedì 8 ottobre 2018

VERONICA OFFICINALIS




VERONICA OFFICINALIS

Nel Medioevo la veronica era utilizzata per curare ogni tipo di malattia. Sebastian Kneipp ne impiegava la tisana per lenire malattie polmonari e reumatismi. La pianta officinale, conosciuta anche con il nome di tè svizzero, costituisce una valida alternativa al tè nero.

BOTANICA - La veronica è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Scrofulariacee che può raggiungere un'altezza di 20 cm. Il fusto è prostrato nella parte iniziale, ascendente o eretto in quella terminale. Le foglie, opposte a due a due, variano da rotonde a ovali o ellittiche; i fiori sono di colore azzurro chiaro o lilla. La pianta ha un profumo leggermente balsamico e un gusto amaro.

HABITAT - La veronica cresce in Europa, Asia Minore e Nordamerica. Si trova in terreni assolati e poveri di calce, nelle foreste, nei sottoboschi, nei prati aridi e nei pascoli.

PARTI UTILI - Per scopo terapeutico si utilizza tutta la pianta, raccolta nel periodo della fioritura.

COMPOSIZIONE - La veronica contiene amari, come il catapolo e l'acubina. Inoltre, in essa sono presenti tannini, acidi organici, come l'acido clorogenico e caffeico, flavonoidi e piccole quantità di resina e olio essenziale.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE - Solo la medicina popolare utilizza la veronica. Grazie alla sua azione mucolitica, espettorante e antisettica, se impiegata per uso interno, essa costituisce un ottimo rimedio in caso di bronchiti, asma e infiammazioni delle vie aeree superiori. La tisana di veronica stimola l'appetito, lenisce i crampi allo stomaco e all'intestino e attenua i gonfiori. Inoltre, la pianta è un efficace depuratore del sangue, caratteristica per cui è indicata nella cura dei disturbi reumatici e della gotta. 
Impiegato per uso esterno I'infuso costituisce una valida terapia di supporto nel trattamento di eczemi cronici, pruriti cutanei e ferite che stentano a rimarginarsi. 
È un efficace rimedio contro la sudorazione eccessiva dei piedi.




APPLICAZIONI

INFUSO - Versate 150 ml d'acqua bollente su 1/2 cucchiaino di veronica, lasciate in infusione per 5 minuti, poi filtrate. In caso di tosse  o raffreddore bevete 1 tazza di tisana 2-3 volte al giorno.
Per stimolare l'appetito bevetene 1 tazza prima dei posti.

MISCELA DI TÈ - In caso di eczemi e pruriti bevete una tisana di uguali quantità di veronica e viola del pensiero.

TINTURA - Versate 20 grammi di veronica in 100 ml di alcol al 70 %, lasciate macerare per 10 giorni, poi filtrate. In caso di lievi disturbi digestivi assumete 20 gocce di tintura diluite con un po' d'acqua 2-3 volte al giorno.

OMEOPATIA - Il rimedio omeopatico si ottiene dallo pianta raccolta al momento della fioritura.  È indicato nella cura di catarro acuto e cronico delle vie aeree.

SPREMUTA FRESCA - Il succo che si ottiene spremendo l'intera pianta è efficace per lenire tutti i tipi di disturbi cutanei.


CONSIGLIO UTILE 

Il  periodo migliore per raccogliere la veronica è quello che va da metà giugno a settembre. Se essiccata con cura e riposta al riparo dalla luce la pianta si conserva per circa 3 anni.




ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 

VEDI ANCHE . . .