venerdì 13 luglio 2018

VARICELLA (Chickenpox)




VARICELLA

Questa malattia virale, tipica dell'infanzia, è provocata dal virus Varicella zoster che, oltre alla varicella, causa anche l'Herpes zoster. Il contagio si diffonde molto facilmente per via aerea. I bambini si ammalano solitamente tra il terzo e il decimo anno d'età, ma possono essere colpiti dal virus anche i neonati e gli adolescenti. Febbre e mal di testa, che fanno pensare a una malattia influenzale, vengono in breve seguiti dalla tipica eruzione cutanea, spesso sul busto. Da quest'area si diffonde rapidamente agli arti e al viso, colpendo talvolta anche le mucose. L'eruzione, fortemente pruriginosa, dalle iniziali macchie rosse si sviluppa nel giro di poche ore in bollicine cariche di liquido, che poi si asciugano in un paio di giorni e
formano le croste. 
Anche se le complicazioni sono rare, se si sospetta che sia varicella è meglio chiamare subito un medico. I rimedi naturali e quelli omeopatici sono molto utili soprattutto per lenire il prurito.

CHE FARE? -  È bene che le donne incinte evitino di entrare in contatto con persone affette da varicella in fase acuta, o che ne possano essere portatrici sane.
L'infezione contratta nei primi 3 mesi di gravidanza può infatti causare malformazioni del feto. Per una buona guarigione è importante che i pazienti non trascurino I'eruzione cutanea e assumano rimedi febbrifughi.

CONTRO IL PRURITO - Per evitare che il liquido si diffonda, creando ascessi e cicatrici, fate in modo che il bambino non gratti le bollicine. A questo scopo potete tagliargli le unghie molto corte oppure, in caso estremo, fargli indossare dei guantini durante la notte. Come il pigiama e le lenzuola, questi devono essere di cotone morbido in modo da non irritare la pelle.

LAVAGGI E SEMICUPI - Se anche bocca e occhi sono colpiti, il bambino deve fare sciacqui con essenze curative o acqua e sale. Le bambine hanno a volte le pustole anche sui genitali. In questo caso sono d'aiuto semicupi regolari con estratti di camomilla, salvia e timo contro i dolori e il prurito. Questi rimedi possono anche evitare che le bollicine si infettino a causa dei batteri.

GIOCHI E RELAX - Spesso il prurito è il problema maggiore per i pazienti più piccoli. Prendetevi più tempo da passare con i bambini e giocate con loro in modo da distrarli leggendogli le favole preferite, o guardando insieme le figure di un libro. Anche il disegno e i piccoli giochi di costruzioni fanno dimenticare il prurito. 
Le tisane calmanti facilitano il sonno e il riposo.




RIMEDI CASALINGHI

LAVAGGI - I lavaggi freschi leniscono il prurito. Versate  1/4 di litro di tisana di camomilla o alcune gocce di estratto di camomilla in 1 litro d'acqua. Imbevete un piccolo pannospugna e frizionate più volte al giorno il corpo del malato.

LAVAGGIO DEGLI OCCHI - Mettete 1/2 cucchiaino di sale in 1 bicchiere d'acqua calda. Gocciolate il liquido negli occhi con un dosatore. In alternativa, inumiditeli con una spugna e asciugateli con molta cura.
Usate per ogni trattamento un panno pulito.

GARGARISMI -  Sciogliete 1 cucchiaino di sale in 1 bicchiere d'acqua calda. Sciacquate la bocca con questa miscela,fate gargarismi e poi sputate. 
È adatta anche la seguente tisana: versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 1 cucchiaio di fiori di camomilla e dopo 10 minuti filtrate. Lasciate raffreddare.

IMPACCHI - Portate a ebollizione 2 cucchiaini di fiori o di pezzi di corteccia di sambuco e filtrate subito. Imbevete un panno nella tisana raffreddata e tamponate con esso le bollicine.




TISANE MEDICINALI

PER DORMIRE - Mescolate 10 grammi di foglie di melissa, radice di valeriana, fiori di arancio, di malva e di lavanda. Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 2 cucchiaini di miscela e filtrate dopo 10 minuti.
Bevete la tisana mezz'ora prima di coricarvi.

CONTRO LA FEBBRE - Versate 1 /4 di litro d'acqua bollente su 2 cucchiaini di fiori di tiglio, lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate e bevete la tisana calda.


RIMEDI OMEOPATICI

* Rhus toxicodendron D12 contro il prurito. Assumetene 5 globuli all'ora: dopo 5 ore dovrebbe comparire un miglioramento; poi riducete le dosi a 5 globuli 3 volte al giorno.
* Sambucus nigra D3 per il sistema immunitario.


TRATTAMENTO DELL'ERUZIONE

Per trattore l'eruzione si addice la polvere di camomilla. I componenti di questa pianta prevengono le infiammazioni batteriche. La polvere si trova in farmacia sotto forma di estratto secco di azulene, ricavato dai fiori di camomilla; tamponate con essa le parti che prudono.Le bollicine si possono trattare anche con una pomata a base di azulene.Allo stesso modo, misture e polveri contenenti zinco leniscono il prurito.


CONSIGLIO UTILE

Se il bambino non ha febbre, non deve stare a letto. Portatelo all'aria aperta, ma fate in modo che giocando non sudi e prenda freddo.




ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 

VEDI ANCHE . . .