venerdì 29 giugno 2018

RIMEDI contro l'EMICRANIA (Remedies against Migraine)



 EMICRANIA

L'emicrania è un tipo di mal di testa particolarmente fastidioso, frequente e con attacchi acuti. Generalmente viene interessato un lato della testa e un attacco può durare da poche ore a vari giorni, accompagnato spesso da nausea, vomito, dolori addominali, intolleranza alla luce e vertigini. L'emicrania è causata da un disturbo funzionale delle vene, la cui causa è ancora oggi sconosciuta. A seguito di un restringimento delle arterie cerebrali, le vene si dilatano, generando il tipico dolore localizzato in un solo lato della testa.
Ne possono derivare sintomi neurologici definiti con il termine di "aura", comprendenti sfarfallii visivi e disturbi nell'articolare le parole, che precedono a volte lo stesso attacco. 
L'emicrania può essere generata da stress, da disturbi ormonali, da alcol o da determinati alimenti quali cioccolato, formaggio, aglio o agrumi. In questi casi possono essere d'aiuto i rimedi omeopatici.

CHE FARE? - Nel caso si verifichi un attacco di emicrania riparatevi in una stanza buia lontano dalle correnti d'aria e se possibile, cercate di riposate. Non assumete cibo ma, se lo
desiderate, bevete acqua o tè
I dolori acuti possono essere alleviati con impacchi, esercizi di rilassamento, tisane o trattamenti omeopatici.

PREVENIRE RILASSANDOSI -  Uno stile di vita stressato e dai ritmi frenetici può favorire l'insorgere dell'emicrania. Solitamente gli attacchi compaiono il fine settimana o durante le vacanze, quando il corpo e la psiche si rilassano e le vene contratte si dilatano. Un ottimo rimedio per prevenire questo fastidioso disturbo è praticare regolarmente esercizi di rilassamento, come lo Yoga o il training autogeno, in grado di regolare, con il passare del tempo, l'alternarsi di contrazione e decontrazione dei vasi sanguigni.

DIARIO DEI DOLORI - Se soffrite di emicrania registrate con precisione gli attacchi in un'agenda, annotando I'ora, la situazione e l'intensità con cui si verificano. Questi appunti vi aiuteranno a individuare la causa scatenante dell'attacco stesso, per esempio cibi particolari o situazioni di stress psicologico, permettendovi così di evitarla.

TRATTAMENTO OMEOPATICO - Un trattamento omeopatico dell'emicrania agisce spesso con successo, anche se appare complicato e necessita dell'intervento di un omeopata qualificato. La terapia viene di solito iniziata nei periodi in cui gli attacchi non si verificano.





TISANE CURATIVE 

TISANA DI ACHILLEA - La tisana di achillea è d'aiuto per prevenire gli attacchi di emicrania. Versate 1/4 di litro d'acqua bollente sul cucchiaino di questa pianta e lasciate in infusione per circa 1 minuto, poi filtrate. Bevetene 1-2 tazze al giorno a piccoli sorsi.

MISCELA DI ERBE -  La tisana delle seguenti piante attenua la nausea e i dolori:

100 grammi di melissa
100 grammi di rosmarino
50 grammi di verbena
50 grammi di ruta

Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 1 cucchiaio di queste erbe; lasciate in infusione per circa 5 minuti, poi filtrate. Bevetene fino a 3 tazze al giorno.


OLI ETERICI

In caso dì attacchi di emicrania, l'olio di menta svolge un'azione lenitiva e rilassante: massaggiate delicatamente con alcune gocce fronte, tempie e la zona dietro le orecchie. 
In alternativa fate un impacco di circa 15 minuti sulla fronte con un panno bagnato sul quale avrete messo alcune gocce di olio di menta.


Barbaforte, chiamata anche  rafano o cren

RIMEDI CASALINGHI

IMPACCO DI BARBAFORTE - Grattugiate 1/4 di tubero di barbaforte (rafano o cren), aggiungete 2-3 cucchiaini di aceto di mele e mescolate. Mettete la poltiglia su un telo di lino e fatene un impacco sullo nuca per circa 5 minuti. Il barbaforte ha un effetto lenitivo, mentre l'aceto di mele rilassa e decontrae i vasi sanguigni.

PEDILUVIO FREDDO -  Un pediluvio freddo è d'aiuto contro l'emicrania. In una bacinella colma d' acqua a 15-20 °C immergete alternativamente per 20-30 secondi il piede destro e il sinistro. Asciugate i piedi e indossate calze di lana per riscaldarli ed evitare che il freddo accentui l'emicrania. Se necessario ripetete questa applicazione ogni mezz'ora.


IMPACCO ANTISPASTICO DI CUMINO

Il cumino agisce come calmante e antispastico sulle vene. Cuocetene per pochi minuti una manciata in poca acqua, fatene una poltiglia, stendetela su un telo di lino e applicatela sulla fronte. Con un secondo telo legate il primo e lasciate agire l'impacco riposando a letto per circa un'ora.


CONSIGLIO UTILE

Riempite un guanto di spugna con cubetti di ghiaccio e arrotolatelo in uno strofinaccio. Ponete questo impacco sulla fronte o sulle tempie. Il rapido raffreddamento locale comporta
il restringimento dei vasi sanguigni cerebrali e, nello stesso tempo, attenua il dolore.



ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 



ARTRITE (Remedies against Arthritis)




ARTRITE

Un'infiammazione acuta dell'articolazione (artrite), o di una sua parte, causa un irrigidimento mattutino dell'arto colpito, dolori, gonfiori, arrossamenti, surriscaldamenti e, a volte, persino il blocco della motilità. L'artrite è dovuta a una disgregazione della capsula articolare in seguito a una diminuita capacità di rigenerazione dei tessuti ossei e può essere causata da diversi fattori: infezioni batteriche, stimolazioni termiche o meccaniche o un uso esagerato della parte.
L'infiammazione acuta dell'articolazione può essere dovuta, inoltre, a disturbi di parti del corpo lontane dalla zona dolente, come infezioni ai denti o alle tonsille.
Per evitare che un caso acuto si trasformi in artrite cronica, se il gonfiore articolare non diminuisce con il passare del tempo, è consigliabile consultare un medico. Terapie naturali possono affiancare trattamenti specifici della medicina tradizionale.

CHE FARE? - Finché l'infiammazione è in fase acuta cercate di far riposare l'articolazione, per evitare che il dolore aumenti: distendetela in posizione rilassata, poggiandola  su un cuscino o una coperta arrotolata.
È consigliabile rimanere a letto per alcuni giorni. 
Un ottimo rimedio sono anche impacchi freddi, digitopressione e tisane disinfiammanti. Terminata la fase acuta  è d'aiuto fare esercizi che sciolgano l'articolazione, per evitare che si verifichi un blocco totale.

TERAPIA DEL FREDDO - In caso di infiammazione acuta il freddo è un ottimo disinfiammante e risulta più piacevole rispetto al caldo. Riempite un panno con cubetti di ghiaccio e ponetelo sulla parte dolorante oppure fate impacchi con acqua ghiacciata: otterrete un rapido sollievo. 
Tuttavia, prima di qualsiasi trattamento è consigliabile consultare un medico perché possa indicarvi la terapia più adatta.

RIDURRE IL PESO - Se siete in sovrappeso cercate di mettervi a dieta: un sovraccarico delle articolazioni può causare facilmente infiammazioni alle stesse. 
Potete controllare il vostro peso con questa semplice formula. 
Per le donne: altezza (in cm) meno 100 meno 10 % rappresenta il peso considerato normale (in kg); per gli uomini altezza (in cm) meno 100 rappresenta il peso normale (in kg).




BRACCIALETTO DI RAME - Nonostante i pareri controversi della medicina tradizionale, in molti casi portare un braccialetto di rame può lenire i dolori. Si suppone che, sudando, del rame si sciolga e penetri nella pelle sotto forma di composto. Esso è in grado di innescare processi fisici capaci di attenuare i dolori e lenire le infiammazioni.




TISANE MEDICINALI

Tisana di radice dì artiglio del diavolo -  La tisana di radice di artiglio del diavolo (da acquistare in erboristeria) è efficace nel trattamento delle artriti croniche. Versate 300 ml d'acqua bollente su 1 cucchiaino colmo di radice dello pianta spezzettata finemente e lasciate riposare per circa 8 ore, mescolando di tanto in tanto, poi filtrate. Portate la tisana a
ebollizione e lasciate raffreddare finché sarà a temperatura ambiente. Bevetene 1 tazza al giorno.

Tisana di ortica - L'ortica, grazie alla presenza di sostanze disinfiammanti, come l'acido silicico, vitamine e soli minerali è un ottimo rimedio in caso di artrite. Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 3 cucchiaini della pianta. Lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate. Bevetene 3 tazze al giorno.


RIMEDI NATURALI

DIGITOPRESSIONE - Lo stimolazione di particolari punti energetici favorisce l'irrorazione sanguigna ed è d'aiuto per donare all'articolazione maggiore mobilità. Appoggiate il pollice della mano destra nel palmo dello mano sinistra, tra pollice e indice,e premete con insistenza e continuità sotto le ossa collegate all'indice. Continuate per alcuni minuti respirando profondamente. Ripetete l'operazione con l'altra mano.


Eseguite la digitopressione due volte al giorno.




CLISTERE -  L'infiammazioni derivano spesso da una iperacidità del corpo. In caso di forti dolori fare due clisteri può essere d'aiuto per eliminare l'acidità intestinale e attenuare il dolore.
1° clistere -  Il primo clistere si fa con 1/2 litro d'acqua bollita e raffreddata,in modo da svuotare l'intestino.
* 2° clistere - Il secondo clistere si fa con 1 litro d'acqua bollita e raffreddata a cui avrete aggiunto 1 cucchiaio di malva e camomilla. Distesi, cercate di trattenere il liquido nell'intestino per circa 15 minuti.

ACIDI GRASSI OMEGA-3 - Se soffrite spesso di infiammazioni articolari potete inserire nella vostra dieta particolari tipi di pesce, come sgombri, salmone e aringhe. La loro carne, infatti, contiene i famosi acidi grassi Omega-3, grassi polinsaturi ed essenziali, che prevengono la formazione di sostanze biochimiche le quali sono alla base dei processi infiammatori dell'organismo.


CONSIGLIO UTILE

L'acqua rilassa e, inoltre, alleggerisce il peso che le articolazioni devono sostenere. Per rimettere in moto quest'ultime correte in acqua (Aquajogging) o fate esercizi in piscina o nel mare.




ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 

VEDI ANCHE . . .