domenica 26 agosto 2018

CURARSI COL PRUGNO SPINOSO (Prunus spinosa)




PRUGNO SPINOSO
Prunus spinosa

I contadini del Medioevo si proteggevano dalle streghe e dalle disgrazie con questa pianta. Nella tradizione popolare ci si avvaleva del prugno selvatico per combattere il raffreddore, i dolori reumatici e come leggero lassativo.

BOTANICA - Il prugno spinoso è un arbusto a foglie caduche appartenente alla famiglia delle Rosacee, che può raggiungere l'altezza massima. di 3-4 metri. Il frutto è una drupa rotonda di color blu-nerastro ed è commestibile. I fiori bianchi, isolati, hanno un peduncolo glabro; il calice presenta cinque petali ovali-oblunghi. La pianta emana un profumo  simile a quello delle mandorle. l frutti, ricchi di vitamina C, hanno un sapore molto aspro.

HABITAT - Il prugno spinoso cresce su terreni ricchi di calce e sassosi, nei boschi, ma soprattutto nelle siepi; predilige i luoghi assolati. Cresce spontaneo in tutta l'Europa, l'Asia minore, il Nordafrica e il Nordamerica.

PARTI UTILI - Per scopo terapeutico si utilizzano soprattutto i fiori e la corteccia.

COMPOSIZIONE - I fiori contengono flavonoidi e cumarine e tracce di amigdalina. La corteccia è ricca di tannini e sostanze amare.

INDICAZIONI TERAPEUTICHE - Il prugno spinoso è utilizzato per le sue proprietà astringenti e febbrifughe. Inoltre, esso è d'aiuto in caso di costipazione, crampi allo stomaco e gonfiore, grazie alle proprietà digestive, lassative e depurative dei fiori, che vanno però utilizzati in dosi ridotte. In caso di infiammazioni della cavità orale, mal di gola o gengiviti, si utilizza il succo dei frutti per fare gargarismi, in quanto essi contengono sostanze astringenti, utili per le mucose della bocca. 
L'omeopatia si avvale del prugno spinoso per attenuare i dolori mestruali, in caso di debolezza cardiaca, dolore ai nervi, mal di testa, gonfiori e coliche. 
Attenzione: tutte le parti della pianta vanno usate con l'autorizzazione del medico e seguendone le indicazioni.





APPLICAZIONI

TISANA DI FIORI -  Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 3 grammi di fiori, lasciate brevemente in infusione e poi filtrate. In caso dì costipazione e per purificare il corpo bevetene 1 tazza mattino e sera.

SCIROPPO - Cuocete 3 grammi di fiori con miele o zucchero condito. In caso di tosse o raucedine assumete 1 cucchiaio di sciroppo 4-5 volte al giorno.

TISANA DI FOGLIE - Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 1 cucchiaio di foglie essiccate, lasciate brevemente in infusione e poi filtrate. Bevete 1 tazza mattino e sera in caso di problemi a reni o vescica.

SUCCO -  Versate acqua a sufficienza per coprire i frutti. Dopo 1-2 giorni filtrate e aggiungete 500 grammi di zucchero per ogni litro di succo, poi portate più volte a ebollizione. Riempite col succo delle bottiglie che farete bollire.

MARMELLATA - Lasciate i frutti a bagno in acqua freddo per una notte; poi filtrate. Aggiungete 1/4 di litro di vino bianco e 1/8 di litro d'acqua a 1 kg di frutti.Cuocete mescolando continuamente e poi passate. Aggiungete 375 grammi di zucchero e cuocete di nuovo.


CONSIGLIO UTILE

Raccogliete i fiori in primavera ed essiccateli. I frutti vanno invece colti in autunno e possono essere utilizzati freschi o congelati, durante l'inverno.





VEDI ANCHE . . .
ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z

INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 

Nessun commento: