venerdì 8 giugno 2018

SCOTTATURE SOLARI (Sunburn)



SCOTTATURE SOLARI

La scottatura o ustione solare è conseguenza di una esposizione troppo prolungata ai raggi
ultravioletti. Si distinguono tre tipi di ustioni: di primo grado, caratterizzata da pelle molto arrossata e tumefatta - di secondo grado, con vescicole d'acqua sulla cute - e di terzo grado, che lascia cicatrici sulla pelle. 
Chi ha una carnagione chiara e i capelli rossi o biondi è particolarmente predisposto alle scottature solari. Le ustioni possono essere accompagnate da nausea, soprattutto se si è preso troppo sole sulla testa e sulla nuca. In questo caso si parla di insolazione o colpo di sole. 
Un'eccessiva esposizione al sole provoca un invecchiamento precoce della pelle e può causare l'insorgere di un melanoma.
Per proteggervi dai raggi ultravioletti usate le creme protettive.




RAGGI ULTRAVIOLETTI

Una lunga esposizione ai raggi ultravioletti (UV) può causare gravi danni olla pelle. 
Gli ultravioletti si dividono in UVA, UVB e UVC. 
I raggi UVA penetrano fino al derma causando reazioni dì fotosensibilizzazione o un precoce invecchiamento cutaneo.
l raggi UVB possono provocare macchie pigmentarie e aumentare il rischio di cancro alla pelle.
I raggi UVC sono i più dannosi perché principali responsabili dei tumori cutanei.




CHE FARE? -  In caso di scottature solari sono indicati impacchi d'aceto, di aloe vera, di essenza di tea tree o di amamelide. I rimedi omeopatici leniscono la pelle arrossata e scottata. Per ustioni più gravi accompagnate dalla comparsa di vescicole, è meglio consultare il medico. In ogni caso è opportuno esporsi al sole con gradualità: i primi giorni non superate i 10 minuti, poi prolungate l'esposizione di 5 minuti al giorno.

SUCCO DI ALOE VERA - Le foglie carnose dell'aloe vera contengono un succo dall'azione rinfrescante e terapeutica.
Tagliate una foglia e mettetene il succo fresco sulla parte di pelle scottata. Durante la gravidanza non utilizzate il succo di aloe vera perché i suoi principi attivi possono provocare le doglie.

OLIO ESSENZIALE DI TEA TREE - Un altro rimedio molto efficace per le scottature solari è l'olio essenziale di tea tree. 
Tamponate le parti interessate con un batuffolo di cotone imbevuto di essenza. Fate molta attenzione a non toccare gli occhi. Altrettanto indicati sono degli impacchi con acqua fredda ed essenza di tea tree.

IMPACCHI DI ACETO - Sintomi tipici di un'ustione solare sono prurito, arrossamento e altri disturbi che possono essere alleviati con un impacco d'aceto. 
Imbevete un panno in aceto non diluito e ponetelo sulla pelle arrossata. Se preferite potete utilizzare anche l'aceto di mele. L'aceto disinfetta, lenisce il dolore, favorisce il processo di guarigione e ha un effetto emolliente. Inoltre contrasta il processo di tumefazione della pelle e la formazione di vescicole d'acqua.




RIMEDI OMEOPATICI

* Cantharis D6 è indicato per tutti i tipi di scottature. Assumetene 5 globuli ogni mezz'ora fino o quando non vedete un miglioramento.
* Belladonna D4 è indicato per pelle arrossata e accaldata. Assumetene 5 globuli ogni 2 ore.
* Causticum D6 guarisce dalle vescicole d'acqua. Assumetene 5 globuli ogni 2 ore,


MISURE PREVENTIVE

Evitate il sole tra le 11 e le 15.
Applicate lo crema di protezione mezz'ora prima di esporvi al sole.
* Coprite gli occhi e la testa durante tutto il tempo d'esposizione.
* Non rimanete sdraiati per un periodo troppo lungo. Muovendovi, per esempio camminando, otterrete un' abbronzatura più uniforme.
* Mettete la crema protettiva anche quando il cielo è nuvoloso, perché i raggi ultravioletti filtrano tra le nuvole.
* Se siete soggetti a eritemi solari usate creme protettive che non contengono additivi come
emulsionanti o conservanti.
* In montagna e nei paesi meridionali i raggi solari sono più forti. Inoltre, la neve e l'acqua aumentano l'azione degli ultravioletti. È meglio, in questi cosi, usare una crema solare ad alta protezione.




PER L'ABBRONZATURA...

Chi è già abbronzato rischia di scottarsi meno di chi ha una carnagione chiaro. Alimenti come i fichi,le pere, il sedano, il pompelmo, il mandarino,le carote, gli spinaci e la lattuga contengono diverse sostanze, come il i beta-carotene, che favoriscono l'abbronzatura.
Esso è contenuto in grande quantità nelle carote, negli spinaci e nella lattuga e viene assimilato dal corpo solo se i cibi assunti sono cucinati con olio di oliva.


FATTORE DI PROTEZIONE

Il fattore di protezione indica il periodo di tempo durante il quale la vostra pelle è protetta dai
raggi ultravioletti.Per esempio, chi ha una carnagione molto chiara non deve superare i 10 minuti d'esposizione; utilizzando una crema solare con fattore 6 può esporsi fino a un'ora.


CONSIGLIO UTILE

Applicate delle fettine di cetriolo sulla pelle scottata. L'ortaggio, grazie al suo effetto rinfrescante, lenisce l'Infiammazione e attenua il dolore.




ERBE MEDICINALI - FITOTERAPIA
A - B - C - D - E - F - G - I - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - V - Z


INDICE DELLE MALATTIE E DELLE PIANTE INDICATE PER CURARLE
A B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - R - S - T - U - V 

VEDI ANCHE . . .


Nessun commento: