mercoledì 7 gennaio 2015

BIANCOSPINO (Hawthorn - Crataegus monogyna) - Per disturbi cardiocircolatori (For heart disease)

BIANCOSPINO - Crataegus monogyna


Nell’antichità si pensava che il biancospino, per la forma a cuore delle sue foglie e i suoi frutti rossi, apportasse benefici al sistema cardiaco.

Oggi è un rimedio sperimentato e utilizzato dalla medicina naturale e da quella tradizionale per disturbi cardiocircolatori.



Botanica

Il biancospino è un arbusto appartenente alla famiglia delle Rosacee che può raggiungere un altezza di 10 metri.
I suoi rami sono spinosi, le foglie e i fiori hanno un aroma intenso e un sapore agrodolce…, i frutti, invece, sono dolci.
L'intero arbusto emana un profumo simile a quello delle mandorle amare.


Habitat

Il biancospino è diffuso in tutta Europa e cresce su pendii assolati, nelle siepi, nel sottobosco e ai margini di foreste e di vigneti.


Parti utilizzate

Per scopo terapeutico si utilizzano principalmente due specie di biancospino: il Crataegus monogyna e il Crataegus levigata.
Le parti impiegate sono soprattutto i fiori e le foglie, cui si aggiungono, a volte, i frutti maturi.


Composizione


Il biancospino contiene numerosi principi attivi che sono in grado di influenzare positivamente l'equilibrio di potassio nelle cellule e di supportare il trasporto di energia in diversi processi organici.
Inoltre esso contiene le purine, sostanze che stimolano la circolazione sanguigna.


Effetti terapeutici

Il biancospino rinforza il cuore e il sistema circolatorio, perché favorisce l'irrorazione cardiovascolare e fortifica il muscolo cardiaco durante la convalescenza.
Inoltre, è di giovamento per fiato corto e battito lento, sintomi dell'angina pectoris, e disturbi al ritmo cardiaco.
Nella medicina popolare questa pianta officinale è stata sempre utilizzata per irrobustire il sistema cardiocircolatorio.
Per ottenere risultati soddisfacenti e godere dei benefici l'applicazione deve avere una durata di almeno 6 settimane.
In qualche caso il biancospino è consigliato come calmante e contro la diarrea.


CONSIGLIO UTILE

Le spine acuminate e resistenti del biancospino lo rendono molto adatto a recintare i campi o il giardino per tenere lontano ospiti indesiderati. 

In questo modo avrete non solo una recinzione pratica, ma anche bella da vedersi.



APPLICAZIONI

INFUSO

Contro la stanchezza e l'aritmia…
Versate 1 tazza d'acqua calda su 2 cucchiaini di foglie e fiori e filtrate dopo 15-20 minuti.
Bevete l'infuso quotidianamente per almeno 4-6 settimane.

TINTURA


Per un cuore debole…
Lasciate macerare per circa 10 giorni in alcol al 70% circa 20 grammi di fiori e di foglie essiccati e triturati.
Assumetene 20-40 gocce diluite in una tisana o in acqua 3 volte al giorno.

OMEOPATIA


Per disturbi cardiocircolatori…
Assumete il rimedio omeopatico Crataegus sotto forma di tintura madre oppure alle potenze D2, D4 e D6.
Il Crataegus si ottiene dai frutti del biancospino.

PREPARATI IN COMMERCIO

Il biancospino è contenuto in diversi medicinali per curare problemi cardiaci.
Per insonnia e difficoltà di concentrazione oppure come ricostituente…
Versate ¼ di litro d'acqua bollente su 1 cucchiaio di fiori tritati e filtrate dopo 15 minuti.
Bevetene 2-3 tazze al giorno.


VEDI ANCHE . . .

Nessun commento: