sabato 20 dicembre 2014

RIMEDI CONTRO LA FEBBRE (Remedies against fever)




                               
FEBBRE

Con febbre si intende l'aumento della temperatura corporea al di sopra dei 39 °C, mentre se
il termometro misura tra i 37 °C e i 39 °C si parla di temperatura elevata.
L'ipotalamo regolala temperatura corporea e ne provoca l'innalzamento quando nell'organismo umano è in corso un'infezione.

Una temperatura corporea elevata, infatti, è quasi sempre causata da infezioni virali o batteriche. In questo caso I'organismo reagisce aumentando la temperatura, che attira il sistema immunitario per uccidere gli agenti patogeni.
La febbre è quindi una reazione di difesa dell'organismo e non va ridotta subito. Solo nel caso che la temperatura non diminuisca o superi i 40 °C, vanno prese precauzioni per abbassarla e per evitare che l'organismo si indebolisca troppo.

Nei neonati e nei bambini fino a 4 anni la febbre alta può causare disidratazione corporea e convulsioni. Quando la febbre è alta e non accenna a diminuire, o ha uno strano andamento, bisogna consultare il medico.


MISURARE LA TEMPERATURA

La temperatura corporea varia a seconda dello parte del corpo in cui viene misurata.
La temperatura anale è quella più precisa e va misurata per 3-5 minuti; se si misura la temperatura in bocca al valore risultante bisogna aggiungere 0,4 °C, sotto le ascelle 0,8 °C.
I termometri elettronici sono quelli più affidabili.








FEBBRE

CHE FARE? Quando si ha la febbre bisogna evitare che il corpo si disidrati. È necessario quindi bere molto durante il giorno per sostituire i liquidi persi e adottare una dieta povera di grassi per facilitare la digestione e non gravare sul metabolismo. 
Per diminuire la temperatura sono molto efficaci abluzioni con l'aceto o applicazioni d'acqua fredda alle gambe.

Sudare come curaUna "cura del sudore" aiuta a irrobustire il sistema immunitario e ad abbassare la temperatura. Fate un bagno completo caldo che duri circa 20-30 minuti dopo aver aggiunto all'acqua 500-800 g di sale da cucina. Prima di fare il bagno bevete del succo o del tè di sambuco per aumentare la traspirazione. 
Dopo il bagno dovete rimanere a letto per 24 ore. 
Se fate questo trattamento mentre avete la febbre potrebbero insorgere momentanei problemi circolatori.

Applicazioni con l'acquaSi può abbassare la febbre molto alta con getti d'acqua fredda alle gambe. Regolate la temperatura dell'acqua affinché sia di 2 °C inferiore alla vostra temperatura corporea e, usando il microfono della doccia, bagnate le gambe dalle ginocchia in giù. Diminuite a poco a poco la temperatura dell'acqua fino ad arrivare a 15 °C in 15 minuti. Infine, stendetevi sul letto.

Rimedi omeopatici per la febbre -  Per ridurre naturalmente la febbre sono utili rimedi omeopatici come l'Aconito D12 o la Belladonna D12, che irrobustiscono il sistema immunitario e attivano le difese del corpo al fine di ridurre la temperatura.
In caso di febbri alte, assumete 5 granuli ogni ora. Diminuite le dosi appena notate un miglioramento.







  
CONSIGLIO UTILE

L'inappetenza provocata spesso dalla febbre è un segnale del corpo affinché l'organismo non sia sottoposto a ulteriori fattori di stress o a sprechi di energia. Digiunare, in questo caso, può essere positivo. Bisogna riprendere a mangiare normalmente solo quando ricompaiono gli stimoli della fame.


PRIMO SOCCORSO

Nei neonati e nei bambini dai 6 mesi fino ai 5 anni la febbre alta può causare convulsioni e a volte anche la perdita di conoscenza,
Se sopraggiungono le convulsioni non perdete la calma, aerate bene la stanza, poi chiamate subito il medico. Un valido rimedio in questi  casi sono le cosiddette "gocce del pronto soccorso" dei fiori di Bach.
Mettete parecchie gocce più volte al giorno nella bocca dei bambini, oppure fate impacchi sulla fronte e bagnate le labbra.


TISANA PER LA FEBBRE

10 g di erba peperina
30 g di corteccia di salice
10 g di frutta di rosa selvatica
10 g di fiori di camomilla
40 g di fiori di tiglio

Versate in 1/4 di litro d'acqua bollente 1 cucchiaino di questa miscela di piante e lasciate in infusione per 10 minuti. Bevetene 1 tazza 3 volte al giorno.
Questo tisana abbassa la febbre e irrobustisce il sistema immunitario.


TISANE PER LA SUDORAZIONE

Fiori di sambuco e di tiglio - La tisana dì sambuco, il succo caldo delle bacche di sambuco e la tisana di tiglio inducono una copiosa sudorazione aumentando cosi le difese immunitarie.

Tisana dì echinaceaLo tisana di echinacea, che potete acquistare in farmacia, è un ottimo rimedio per abbassare la febbre soprattutto se dovuta a influenza.
Bevetene più tazze al giorno.


IMPACCHI ALLE GAMBE

Immergete 2 asciugapiatti nell'acqua, strizzateli leggermente, ricoprite con questi le gambe dalle ginocchia alle caviglie e ponetevi sopra degli asciugamani asciutti.
Perché l'impacco sia efficace mantenetelo per 15 minuti e ripetetelo dopo mezz'ora.



CURARSI CON LA FUMARIA (Curing with fumitory or fumewort)


LA FUMARIA

Questo strano nome venne affibbiato alla pianta in base all'antica credenza che "il succo fa lacrimare gli occhi come il fumo" (Olivier de Serres). Altri sostengono che I'insieme dei fiori rossi o rosa e delle foglie grigio argento che crescono in grossi ciuffi irregolari, fanno pensare al fumo di un incendio.
La fumaria è anche nota con i nomi volgari di: fumosterno, pisciasangue, erba acetina e feccia; è una pianta annua o biennale che cresce nei campi, sulle macerie e sui vecchi muri. 
Ha foglie bipennate a sezioni più o meno profondamente suddivise, i fiori somigliano vagamente a piedi di calzini (con lo sprone dietro) e hanno quattro petali. La specie, originaria delle zone temperate del vecchio continente, si è ormai diffusa nel mondo intero.
I greci Galeno e Dioscoride la prescrivevano per'le malattie del fegato e, soprattutto, per curare I'itterizia. 
Nel '500 I'italiano Mattioli la considerava purgativa e corroborante generale degli organi addominali. Io stesso ho potuto verificare le sue virtù curative per il fegato, e non solo contro l'itterizia, ma in tutti i disturbi causati da disfunzioni (digestioni laboriose, travasi di bile, dermatosi e dermatosi croniche). 
Mi ricordo in particolare di un uomo afflitto da una dermatosi deturpante, che riuscii a guarire in un mese con una cura d'urto a base di succo e infuso di fumaria. 
Ad altri pazienti è stata somministrate la fumaria soprattutto come calmante e per una cura depurativa annuale.






Raccolta

Raccogliete la fumaria dalla fine della primavera all'autunno, scegliendo gli esemplari più belli, più fronzuti e più ricchi di fiori. Tutta la pianta è utilizzabile. 
Fatela essiccare sopra un telo o appesa a mazzetti al soffitto.




Preparazione e impiego

INFUSO o DECOTTO come tonico e depurativo, particolarmente come cura annuale estiva: misurate una mezza manciata di pianta fresca o una buona manciata di pianta secca per litro d'acqua. (Una tazza a giorni alterni in tempi normali; una tazza prima di ogni pasto, per otto giorni, per la cura estiva.)

MACERAZIONE: lasciate un piccolo ramoscello di fumaria, per 24 ore, in un bicchiere di vino, di sidro, ecc.; filtrate. (Un bicchiere al giorno.)

SUCCO FRESCO: 5 o 6 cucchiai da minestra al giorno, nel miele o nel latte. (Contro le affezioni del fegato.)

BAGNI ALLE MANI E PEDILUVI: misurate una buona manciata di pianta fresca oppure 2 o 3 manciate di pianta secca per litro d'acqua. (Un bagno al giorno come calmante, depurativo e contro le malattie del fegato.)