martedì 14 ottobre 2014

INSONNIA (Insomnia)




   
INSONNIA

Quasi tutti hanno sperimentato qualche volta l'insonnia o, quantomeno, difficoltà nel dormire. Il rumore, il dolore, orari irregolari, ambienti insoliti, il caffè e le preoccupazioni possono essere causa di notti insonni e inquiete. Considerando che, durante il vano tentativo di addormentarsi, la sensazione del trascorrere del tempo si dilata, molti esagerano nel calcolare il periodo di veglia in attesa del sonno. 
Non esistono regole circa le esigenze di riposo a causa delle grandi differenze tra individuo e individuo. I bambini piccoli e alcuni adolescenti possono dormire anche fino a 18 ore al giorno, mentre le persone anziane necessitano solo di cinque o sei ore.

Esistono due tipi di sonno: il sonno normale e il sonno REM (rapid-eye-movement, cioè caratterizzato da rapidi movimenti degli occhi), che è il periodo nel quale si sogna. Entrambi devono alternarsi durante la notte per consentire di svegliarsi il mattino successivo ben riposati.

La carenza di sonno causa irritabilità, inefficienza e incapacità di concentrazione. L'organismo è comunque in grado di recuperare senza dover dormire ogni ora persa: coloro che hanno dormito poco e male per diverse notti, possono recuperare il sonno dormendo una sola notte per 12 ore consecutive.
Alcune vittime dell'insonnia finiscono con l'essere talmente stressate da non riuscire più a rilassarsi tanto da poter dormire: è un circolo vizioso di stanchezza e insonnia che rende esausti.
L'insonnia, soprattutto nei casi in cui il soggetto si svegli molto presto al mattino, può essere indice di depressione. Coloro che ne sono colpiti si sentono privi di energia e affaticati.






   
INDICAZIONI DELLA MEDICINA NATURALE

OMEOPATIA

Aiutarsi da soli - Il trattamento effettuato con i rimedi omeopatici allo scopo di migliorare lo stato di salute generale è un mezzo efficace anche per i disturbi del sonno. 
Qui ne elenco alcuni fra i più validi: Aconitum, nei casi in cui l'insonnia sia dovuta a paura o panico in seguito a shock..., Arnica, quando un eccesso di stanchezza mentale e fisica, o il letto troppo rigido, costringono il soggetto a continui movimenti per cercare sollievo; Coffea, qualora la veglia sia accompagnata da continua attività mentale. 
Tutti i rimedi potranno essere assunti alla 9 CH, 4 granuli prima di coricarsi. È utile l'associazione dei rimedi descritti con l'assunzione di oligoelementi, in particolare manganese-cobalto e litio, una dose giornaliera di ciascuno (manganese-cobalto al mattino e litio alla sera).


FITOTERAPIA - LE ERBE

Aiutarsi da soli - Infusi di camomilladi fiori di lime sono blandi calmanti; assumetene due cucchiai per notte. Tilia tomentosa 1 DH (50 gocce 2 volte al giorno) è un calmante dell'ansia, mentre Escholtzia in tintura madre, 30 gocce prima di dormire, è un induttore del sonno.

La visita medica - Possono essere necessari trattamenti e colloqui individuali se la causa dell'insonnia è da attribuire a stress e a tensione. Per i casi acuti, il medico può prescrivere un cucchiaino (5 ml) ogni notte di tintura di passiflora e di acqua di fiori d'arancio. Anche il biancospino è molto usato.


MASSAGGIO

Aiutarsi da soli - Se l'insonnia non è causata da indigestione o da una condizione patologica, un massaggio leggero e rilassante può avere effetti incredibili se praticato immediatamente prima di coricarsi. 
Durante il trattamento, il capo del soggetto rimane appoggiato sul cuscino e il corpo viene mantenuto al caldo e ben coperto. Il terapeuta praticherà soprattutto un massaggio a base di leggeri movimenti ritmici e continui con il palmo delle mani. 
Il contatto con il corpo del paziente non deve essere mai interrotto, poiché un eventuale allontanamento delle mani e un cambiamento dei movimenti può risultare disturbante.
Anche le gambe e la schiena saranno ampiamente massaggiate, cercando, però, di evitare le parti ipersensibili e l'addome. Il massaggiatore concentrerà il trattamento sui due movimenti del trissage e della percussione applicandoli con fermezza adeguata. 
Una volta raggiunto questo obiettivo, il movimento verrà rallentato e mantenuto ritmicamente finché il soggetto prenderà sonno.






  
Altre possibilità di cura

Rimedi tradizionali - Un bicchiere di latte caldo con l'aggiunta di un cucchiaino di miele aiuta ad addormentarsi.


MEDICINA TRADIZIONALE

I medici possono curare alcune forme di insonnia dovute a uno stato depressivo prescrivendo farmaci adeguati. Altre malattie che possono interferire con il sonno - in particolare quelle dolorose - possono essere diagnosticate e curate.
I sonniferi possono interrompere il circolo vizioso "insonnia-eccessiva stanchezza". 
Coloro che ne fanno uso possono divenirne dipendenti anche solo dopo tre settimane, quindi questi farmaci devono venire usati solo per brevi periodi.


CONSIGLI PER L'INSONNIA

* Prendere nota delle proprie abitudini relative al sonno può essere utile per individuare le cause dell'insonnia.

* Perseverate nella ricerca della terapia naturale più consona.

* State il più possibile all'aria aperta e fate attività fisica.

* Cercate dl rilassarvi il più possibile durante la giornata e di impostare una routine regolare.

* Mantenete regolari le ore dedicate al sonno.

* Assicuratevi che la camera sia ben ventilata, ma calda e buia.

* Accertatevi che il letto sia comodo e che vi dia il supporto necessario.

* Prima di coricarvi, cercate  di rilassarvi.

* Ascoltate musica non impegnativa mentre vi preparate per andare a dormire.

* Fate un bagno caldo, ma non bollente, prima di coricarvi.

* Allontanate la sveglia che tenete sul comodino.

* Quando siete a letto, cercate di rilassarvi. Per esempio, immaginate di essere distesi al sole su una spiaggia deserta.

* Evitate, prima di andare a letto, l'assunzione di alcol e di stimolanti come caffè, tè e fumo.

* Evitate di mangiare immediatamente prima di coricarvi: un pasto pesante deve avvenire almeno 3 ore prima.

* Non stimolate troppo la mente quando si avvicina l'ora del sonno, per esempio leggendo un libro avvincente o guardando un film violento alla televisione.

* Non rimandate il momento di andare a letto.

* Cercate di non restare svegli a lungo senza prendere sonno; alzatevi e cercate di fare qualcosa fino al momento in cui vi sentirete di nuovo stanchi.





Nessun commento: